Counseling

Comincia a creare da lì dove sei

By AntonellaPetrera In Counseling

Ho deciso di formarmi nel campo del counseling perché ho fatto esperienza che ogni capacità di guarire passa da un punto di vista. Così come sono importanti in letteratura i punti di vista sono importanti nella vita quotidiana. Innescano cambiamenti, mostrano nuove realtà e le creano.

Lo sconforto arriva nella nostra vita per risvegliarci verso le parti di noi stessi che hanno bisogno di attenzione. Molti di noi sono abili a gestire questi sentimenti scomodi per un po’. Ma arriva il tempo in cui fare da soli non basta più.

 

Chi sceglie di lavorare con me: 

Va a caccia di punti di vista.
Non piagnucola ma piange, se è necessario.
Ha paura dei cambiamenti.
Si sente a pezzi. (Ma c’è una cosa bella con i pezzi: si possono rimontare in mille modi).
E’ arrabbiato.
Sa ridere quando si presenta l’occasione.
Dà la colpa a qualcuno.
Sa che cosa gli piace.
Non sa che pesci prendere.
Ha voglia di fare.
Si sente in gabbia.
Ha bisogno di cercare, anche se non sa bene cosa.
Ha bisogno di trovare (ma sarà dove non se lo aspetta).
E’ vulnerabile.
E’ ferito.
E’ curioso.
Pensa di non valere nulla.
Si sente vuoto a perdere.

Se ti riconosci in qualcuna di queste caratteristiche sappi che ho fatto esperienza di tutte.
Possiamo davvero lavorare insieme.

Ti verrà chiesto di lavorare su di te fidandoti di me.
Ti verranno assegnate cose concrete da fare, anche strane, che serviranno a creare quel cambiamento insieme, e spesso sarà una storia ad aiutarci.

 

Cinque cose che farò con te:

Non ti farò credere di essere una psicologa.
Ti racconterò una storia, che sarà la tua in modi inaspettati.
Un percorso insieme, pratico e teorico.
Una sorpresa.
Tabelle, liste e compiti a casa.

Cinque bugie che non ti racconterò:

“Andrà tutto bene.”
“Hai sbagliato tutto.”
“Eh, la vita è così.”
“Non ci possiamo fare niente.”
“Certe persone non cambiano mai.”

Il nostro primo incontro è gratuito.

Se ti trovi lontano da dove mi trovo io possiamo anche lavorare a distanza. Ma ci incontreremo.

 

foto: *A*

antonellapetrera

Lascia un messaggio